Last Resort – Recensione

Io e le serie TV cancellate prematuramente viviamo sempre storie d’amore tormentate e appassionanti. Last Resort, drama del network ABC la cui messa in onda è cominciata il 27 settembre 2012 e si è conclusa il 24 gennaio 2013, ne è l’ultima sfortunata prova.

Come sempre, quando ci si trova davanti ad un telefilm cancellato, viene da chiedersi le solite cose: a cosa è imputabile la cancellazione? La serie merita di essere vista anche così, troncata sul nascere?

Cerchiamo di rispondere nel dettaglio a queste ed altre domande.

Continua a leggere

Gintama – Recensione

Immagine

C’è una cosa che lo spettatore di turno deve sempre tenere ben presente quando si avvicina per la prima volta (o anche per la seconda, o per l’ennesima) a questo anime: è probabilmente l’unica opera pensata da mente umana la cui pagina nella Nonciclopedia è quasi più seria dell’anime stesso. E questo non è poco, ve lo assicuro!

La storia in poche parole. Siamo in Giappone, in un universo alternativo in cui la cara Tokyo si chiama ancora Edo (nome che aveva prima di diventare la capitale dello stato moderno) e non è stata costretta all’occidentalizzazione forzata… perché gli occidentali, qui, non sono mai arrivati. La landa nipponica, infatti, è stata invece invasa da una razza aliena, gli Amanto, che – almeno nella fase iniziale dell’anime – sembrano fare il buono e il cattivo tempo bistrattando i poveri terrestri. L’anime segue le vicende di un gruppo di disadattati dei tre protagonisti a tutti gli effetti: Gintoki, un ex-samurai che sopravvivere cercando di fare il meno possibile, mangiando dolci e leggendo fumetti; Shinpachi, il tipico adolescente insipido che sembra non poter fare niente di buono nella sua vita; Kagura, un’Amanto che fa parte del Clan Yato, il più forte e sanguinario dell’universo. Questo trio apparentemente così male assortito, insieme al gigantesco cane Sadaharu, costituisce l’Agenzia Tuttofare (Yorozuya in originale) e quasi tutte le puntate ruotano attorno agli incarichi più disparati che vengono loro affidati.

Continua a leggere

Matched di Ally Condie – Recensione

Uno dei miei passatempi preferiti durante i pomeriggi di shopping? Leggere le trame di tutti i libri del reparto Young Adult della mia libreria di fiducia, che, diciamocelo, non differiscono di molto l’una dall’altra, se non per i nomi dei protagonisti. Proprio per questo motivo “Matched” non mi aveva colpito molto in un primo momento: appartiene al filone dei dystopian per adolescenti, molto in voga dopo il successo di “Hunger Games”. E dato che né la saga della Collins, né quella, altrettanto ben conosciuta tra i giovani, di “Divergent”, firmata Veronica Roth, mi hanno strappato più di tre stelle risicate su Goodreads, non avevo una gran voglia di segnare la tripletta di trilogie dystopian poco convincenti con “Matched”. Probabilmente non l’avrei fatto, se non mi fosse stato consigliato dalla mia socia Kuruccha.

E, invece, sono contenta di ritrattare. Ally Condie smentisce i pronostici, esorcizzando i ben giustificabili pregiudizi sugli YA con un romanzo ben costruito e appassionante, che dà al lettore molto di più di quanto non prometta la quarta di copertina.

Continua a leggere