Skyrocket – Recensione

1908441_1019333004759107_4296896642091960564_n

La vedete com’è bella l’immagine qui sopra? Ecco: ho comprato questo volume perché mi sono innamorata della copertina.
Ci ho messo un po’ a capire il perché. Che sia per via del mio amore per i paesaggi metropolitani? O forse per la bellissima combinazione tra il primo piano della protagonista e le nuvole sullo sfondo? Per il pilone con i cavi del telefono, che fa così Tokyo?
La risposta è arrivata solo dopo l’acquisto, ma è ben chiara: il disegno di questa cover mi ricorda un po’ i supereroi vecchio stile che vegliano sulla città – Spider-man su tutti, ovviamente – ma soprattutto mi riporta alla mente i primi volumi di Air Gear, il manga di Oh!Great. E ad Air Gear la mia mente torna spesso anche durante la lettura, soprattutto per via delle acrobazie che Kidan fa con il suo improbabile Axis, ma questa è un’altra storia. Ricominciamo da capo.

La storia in poche parole. Skyrocket, albo a fumetti interamente autoprodotto dalla sua autrice Flavia Mormile, inizia con una trasmissione radio che contestualizza il mondo in cui vive la protagonista: si tratta di Prime City, una delle poche regioni in cui l’atmosfera permette il funzionamento dei mezzi di trasporto volanti chiamati Riders.
Kidan, la nostra protagonista – incredibilmente trash ma con classe, come la definisce la stessa autrice – è un promettente cadetto dell’Accademia di pilotaggio dei Riders. Il Rider di Kidan, l’Axis, non ha però l’aspetto di un’auto o di una moto come tutti gli altri che vediamo in questo albo, bensì di una chitarra elettrica che si trasforma in un hoverboard modello Ritorno al Futuro. Trash ma con classe, per l’appunto.
Il sogno di Kidan, nonostante il suo talento innato, non è quello di diventare una pilota per una compagnia di Riders; il suo obiettivo è infatti quello di costruire uno Skyrocket, un Rider intero.
Da questo primo capitolo non ci è dato sapere molto altro, ma le buone premesse ci sono tutte. A fare da contorno alla vicenda di Kidan ci sono dei curiosi personaggi secondari; tra tutti spiccano Barnie, una meccanica a dir poco terrificante, e il misterioso extraterrestre clandestino che appare solo nelle ultime pagine ma che sembra saper bene quello che dice.
Non male per sole ventidue tavole, non è vero?

L’aspetto grafico. Dal punto di vista dei disegni non posso certo ritenermi delusa: i paesaggi, in particolare, sono a dir poco mozzafiato. L’albo parte fin dal principio con una dettagliatissima prima vignetta che ritrae una stazione (di Riders, immagino) vista dall’alto e continua alcune pagine dopo con un’altrettanto precisa raffigurazione dell’officina motori di Barnie. Per gli amanti di questo genere di illustrazioni la soddisfazione è a dir poco assicurata.
I personaggi sono raffigurati con uno stile particolare, né troppo manga né troppo occidentale; ottima la mobilità dei corpi, soprattutto nelle acrobazie.

Richiami. Un altro elemento che per me ha sempre il suo fascino è quel trash-non-trash futuristico che permea tutto quanto. Oltre al già citato Air Gear, se dovessi mettere a confronto questo universo con un altro che già conosco, sicuramente sceglierei quello di FLCL dello Studio Gainax. Certo, grazie al cielo non raggiunge i livelli di improbabilità di quella trama ma, forse anche per via dell’hoverboard/chitarra, me l’ha ricordato.

Alcune correzioni da fare. L’unico punto di demerito che posso forse segnalare questo volume è la presenza di alcuni errori di battitura nei testi dall’interno dei balloon e nelle note alle tavole. Niente di grave, giusto qualche lettera invertita, qualche accento mancato e dei punti fermi mancanti a fine frase. Errori facilmente correggibili, ma che interrompono un po’ la scorrevolezza delle tavole quando tra i lettori ci sono delle pigne come la sottoscritta.

Tirando le somme, il mio parere finale è senz’altro positivo; in virtù del rapporto qualità/prezzo (mi pare di aver pagato il volume qualcosa come uno o due euro) si tratta assolutamente di un ottimo prodotto. Spero di riuscire ad acquistarne il seguito in una delle prossime fiere. 😀

Link utili: La pagina facebook di Skyrocket!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...